Home Page
EnnaOnLine

| HOME PAGE ENNAONLINE | contattaci | mappa del sito



Vai a "L'Ora Siciliana", giornale di cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia









Consigliere e scrutatore, anche questo accade a Enna
Questa gente non va votata
Redazione EnnaOnLine


Consigliere e scrutatore, anche questo accade a Enna
Questa gente non va votata


Enna, 13 marzo 2008 - Al comune di Enna, in occasione delle imminenti elezioni, fra gli scrutatori nominati, alla sezione 28 troviamo il nome di Alfredo Colianni. Un nome, direte voi, come tanti. E invece, no. È il fratello dell’Assessore Regionale alla Famiglia Paolo Colianni, esponente di spicco dell’Mpa di Raffaele Lombardo. Ma Alfredo è anche consigliere e capogruppo dell’Mpa al comune di Enna, oltre a ricoprire diversi incarichi di sottogoverno locale e regionale.

È normale che ciò possa accadere? Al di là del fatto che sia o meno compatibile con la vigente legislazione in materia, non ci sembra opportuno, e neppure corretto, che Alfredo, personaggio impegnato in prima persona nella lotta politica, possa svolgere le funzioni di scrutatore alla sezione. Pertanto, ove lo stesso, non avesse già presentato le dimissioni spontaneamente, ci permettiamo di chiederlo noi stessi con forza.

Non vogliamo apparire pignoli, ma riteniamo anzi che sia doveroso, a questo punto, soffermarci per ricordare alcune vicende particolari. Al quinto piano dell’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e delle Autonomie Locali si trovano gli uffici dell’Assessore Paolo Colianni.

Fra le 26 persone addette al Gabinetto dell’Assessore fa bella mostra di sé il fratello dello stesso assessore, Alfredo Colianni. Ha la sua stanza e persino un numero di telefono personale (091.7074320) dal quale si possono effettuare anche conversazioni di qualsiasi natura e durata.

Alfredo era stato nominato con tanto di decreto assessoriale, firmato dal fratello, a commissario dell’Istituto di assistenza e beneficenza di Paternò. Della scandalosa vicenda si occuparono le cronache giornalistiche nazionali e, travolto dalla vergogna, l’Assessore Paolo fu costretto a ritirare in gran fretta la delega al fratello.

Insomma, era accaduto che l’Assessore Regionale alla Famiglia, Paolo Colianni, aveva conferito al proprio fratello Alfredo un incarico di sottogoverno di competenza del Ramo dell’Amministrazione Regionale cui lo stesso Colianni è preposto. Mentre l’Ente investito di tanto onore è l’Istituto di Beneficenza e Assistenza della città di Paternò.

Un eclatante esempio, questo, di clientelismo. E di politica per la “Famiglia”. La propria, appunto. Ma anche un episodio indegno persino di un Paese del Terzo Mondo (citiamo il termine di paragone per motivi di chiarezza, ma lo facciamo con rispetto). È in concreto un episodio da realtà coloniale, come la nostra, nella quale corruzione e clientelismo sono strumenti di potere e di concorrenza elettorale.

Il fatto che, come qualcuno insinua, esistessero ed esistano nell’ambito della compagine governativa altri casi del genere, non può essere un’attenuante né un alibi. È semmai un’aggravante. È motivo di maggiore scandalo. Ebbene: questo malgoverno non può essere ulteriormente sopportato. Anche perché la Sicilia con questi governanti e con questi metodi non potrà mai rinnovarsi né progredire.

Anche a prescindere dal caso in questione, emerge una considerazione. Dobbiamo rispedire a casa, e in malo modo, i Politici e gli Amministratori che con il loro modo di comportarsi, siano essi di Governo o di sedicente Opposizione, ci offendono sul piano personale e su quello pubblico.

Si tratta di gente con la faccia tosta che è adusa, per il proprio tornaconto, a compromettere persino l’immagine della Sicilia. E che non esita a ledere pesantemente la dignità e gli interessi generali del Popolo Siciliano, della Nazione Siciliana.



Articoli correlati o simili

26/10/2007 - INIZIA DA ENNA LA VERA RIVOLUZIONE CULTURALE SICILIANA
05/11/2006 - UNA PRECISAZIONE SU ENNA SENZA PIAZZA ARMERINA
27/10/2006 - ENNA, COME L’ASSESSORE UMILIA LA SICILIA
27/10/2006 - ENNA, ASSESSORE REGIONALE SISTEMA IL FRATELLO
22/10/2006 - ENNA SCIPPATA DA PIAZZA ARMERINA
22/10/2006 - ENNA, PROVINCIA MUTILATA
22/10/2006 - STANNO UMILIANDO LA PROVINCIA DI ENNA
05/10/2006 - ENNA, UNA MORTE ANNUNCIATA. VERGOGNA!
14/09/2006 - VORREBBERO SCHIACCIARE ENNA
10/09/2006 - RAFFAELE LOMBARDO VUOLE L’AUTODROMO DI ENNA

Articolo inserito mercoledì 2 aprile 2008 alle 21.09
I commenti a quest'articolo (10)
02/04/2008 21:19:21 - colianni, vattene!!!!
è veramente schifoso quello che succede ai colianni. ma che si credono che gli ennesi sono dei coglioni? alfredo è consigliere al comune di enna, capogruppo del mpa, sistemato in prestigiosi incarichi dal fratello che è assessore regionale alla famiglia e che ha sistemato tutta la sua famiglia fino alla trentesima parentela. ora alfredo, da consigliere comunale è scrutatore alla sezione 28. vergognaaaaaa!!!!!!!
03/04/2008 00:38:26 - Mio Dio...ennese
La soluzione esiste ed è quella di non andare a votare. Perciò dico a tutti di non andare a votare. Cosicché, tutti questi signori, vengano catapultate dalle loro poltrone. Italiani riprendiamoci il nostro paese che, ci spetta di diritto. Non votate; non date il vostro voto a nessuno; non votate per il vostro diritto. Non votiamo per il NOSTRO DIRITTO.
03/04/2008 09:45:10 - ANDIAMO A VOTARE PER...
Se non andiamo a votare è come se votassimo per loro, anche per questo Colianni che mi sta sui co..... Votiamo e votiamo per il Senato il PARTITO DEL SUD. Leggete il suo programma e le persone SERIE che appoggiano questo Partito. Per la Camera e per le Regionali, annulliamo la scheda scrivendoci sopra: W LA SICILIA. Ma andiamo a votare, altrimenti questi farabutti si fregano le nostre schede e se le votano loro.
05/04/2008 09:36:51 - Non ci dobbiamo Lamentare se...
il tipico ennese si lamenta sempre e gli piace farsi prendere in giro e non fa niente per cambiare. Colaianni è stato votato dagli ennesi e dopo questi fatti, riporatati anche sulla stampa nazionale, è doppiamente stupido se lo rivota... e se rivota la stessa classe politica, sia destra che sinistra (tanto si sa, a Enna è tutta una cosa)!
05/04/2008 10:42:57 - Leonfortese
Gli ennesi continuano a votare i Colianni e i Crisafulli perchè sono questi che gli danno il pane. E così gli ennesi continuano a farsi sputare in faccia da Colianni e da Crisafulli. Io sono di Leonforte e voterò al Senato il Partito del Sud. Almeno lì c'è gente onesta come Angelo Severino che non solo non trova lavoro per le cose che dice anche sul giornale ma si sacrifica personamente per portare avanti e senza alcun iteresse economico le cose giuste. Colianni e Crisafulli hanno buttato nella povertà Severino. Sono politici da sputargli in faccia non di votarli questi delinquenti.
15/04/2008 20:28:25 - gli ennesi
A cosa cazzo serve andare a votare se , chi è veramente ENNA quindi IL POPOLO , non cambia ? Non serve votare centinaia di politici mentecatti che fanno solo i cazzo loro se il POPOLO continua ad essere un'ammasso di deficenti !!! Il problema non è il governo la destra o la sinistra le leggi o gli immigrati il problema è l'ennese che è un'emerito IMBECILLE dove lo metti sta cosa gli dici fà nessuno che si ribbella a nulla!!! nessuno che IMPARA NULLA ! Ci aumentano le tasse ... zitti e continuiamo a pagare Ci aumentano la benzina .... zitti e continuiamo a prendere la macchina Ci fottono in qualsiasi modo ..zitti caliamo i pantaloni e continuiamo a farci fottere NON CE' UNITA !!!! NON CE' VOGLIA DI GRIDARE E SPACCARE TUTTO UNITI PER FARE UNA RIVOLUZIONE !!!! tanto cè sempre qualcuno che abbassa la testa o si fa infilare una bustarella in tasca per non vedere la merda che lo sovrasta NON CE' UN CAZZO DI NULLA Che bello essere ENNESI !! basta che pensiamo al mare al sole a quante più donne possiamo scoparci a quanto siamo fiche con 4000 ogetti di marca a quanti buffi facciamo per comprarci machine da 60mila euro a quanti centri commerciali possiamo visitare la domenica a quanti ricorsi possiamo fare perchè nostro figlio a scuola è un somaro e gli danno insufficente a quante stronzate possiamo inventarci per non prendere multe o far scalare i punti a chi sa chi al posto nostro a quanta responsabilità ci scrolliamo da dosso con la classica frase del CAZZO : LO FANNO GLI ALTRI LO FACCIO ANCHE IO !!! ECC ECC ECC
16/04/2008 17:05:51 - Così Imparate
È da giorni che, vi dico di non andare a votare. Invece no, puntuali tutti di corsa alle urne. Adesso non serve lamentarsi, perché lo avete voluto voi che, le cose vadano così. Ancora non riuscite a capire che, è grazie al vostro voto alla Camera dei Deputati ed al Senato che ha permesso l'ingresso di tutti gli Onorevoli di entrare al Parlamento. Ancora non riuscite a capire che, sarebbe bastato non andare a votare sicché questo non gli sarebbe stato concesso. Quella di non andare a votare sarebbe stata la più semplice e nello stesso tempo l'unica efficace soluzione per non ammettere loro l'ingresso. Basta vedere la fine che hanno fatto i partiti di estrema sinistra (la Sinistra; l'Arcobaleno). Così fuori i Comunisti dal Parlamento. La stessa fosse loro toccata, se avreste disertato il voto alle urne. Perciò lamentarsi adesso mi sembra inopportuno e sconveniente. Beh, adesso dovete aspettare le prossime votazione e questo avverrà come sapete al termine di questa legislatura fra cinque anni.
17/04/2008 11:45:51 - andrea
io sono stato il segretario della 28 e vi assicuro che alfredo colianni è stato sostituito. per quanto riguarda la situazione da "FAMIGLIA" che si prospetta: bravi i 9.000 coglioni che hanno votato il fratello Paolo
23/05/2008 12:36:49 - IO
HANNO FATTO BENE A DARTI L ASSESSORATO ALLA FAMIGLIA PERCHE HAI CAPITO BENE LO SPIRITO FAMILIARE CIOè METTERE TUO FRATELLO SU TUTTI I FRONTI A TUO FAVORE PURE SCRUTINATORE MAMMA CHE SCHIFO MAMMA MIA
23/05/2008 12:40:28 - ENNESE
TU LEONFORTESE NN DOVRESTI DIRE QST COSE PERCHE SAI BENE CHE A LEONFORTE IL 70% DI CHI MANGIA IL PANE LO DEVE A CRISAFULLI FATTO STA CHE LI è SEMPRE CRISAFULLI A VINCERE QUINDI NN BUTTARE FANGO SE I PRIMI SIETE VOI A VOTARLO MAGARI NN TU MA IL 70 % DEI TUOI PAESANI