Home Page
EnnaOnLine

| HOME PAGE ENNAONLINE | contattaci | mappa del sito



Vai a "L'Ora Siciliana", giornale di cultura, politica, storia (e controstoria) di Sicilia









Il giornale di giovedì 2 agosto 2001
La Venere di Morgantina e i tombaroli

dalla Redazione di EnnaOnLineNEWS

IMMAGINE DA "METEOTEST"
Aggiornamento ogni 30 minuti



[ Questa pagina è soggetta a modifiche - Per aggiornare premere il tasto "F5" ]


EnnaOnLineNEWS - Quotidiano di cronaca e di approfondimento

Supplemento a SportNews - Registr. Trib. Enna n.85 3/5/95

GIOVEDI' 2 AGOSTO 2001



REPERTI ARCHEOLOGICI ED ARMI SEQUESTRATE DALLA SQUADRA MOBILE ENNESE

Enna, 2 ago. - Oggetti in bronzo, in terracotta, in avorio e diverse pietre dure risalenti al periodo compreso dal VII al II secolo a.c. è stato rinvenuto e sequestrato dal personale della Polizia di Stato a conclusione di serrate investigazioni sul traffico di reperti archeologici provenienti dalla provincia di Enna. L'operazione, iniziatasi nelle prime ore della mattinata di ieri in località Centuripe e protrattasi per l'intera giornata, è stata coordinata dal dr. Tito Cicero, dirigente della Squadra Mobile di Enna, e dal dr. David Salvucci, sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Enna.


Durante le perquisizioni domiciliari eseguite a carico di Rosario Fichera di 36 anni, incensurato di Centuripe e impiegato presso un'agenzia di pompe funebri, oltre ai reperti di cui sopra, sono state rinvenute e sottoposte a sequestro svariate tegole di elevato interesse storico-archeologico nonché numerose fotografie riproducenti oggetti d'interesse archeologico e ritenute significative per lo sviluppo investigativo. Per questo, Rosario Fichera è ora sottoposto ad indagine per i reati di traffico internazionale di reperti e per quello di ricettazione.


Ma non solo. Nel corso delle perquisizioni eseguite dalla Squadra Mobile ennese, sono stati trovati un metal detector, evidentemente detenuto dal Fichera con lo scopo di procacciarsi i reperti archeologici, un fucile ad una canna marca Franchi cal. 12 ed una pistola Beretta cal. 7.65 comprensiva di tre caricatori monofilari nonché numerose munizioni. In considerazione che le armi, non avendo il Fichera presentata denuncia di detenzione, risultano illegalmente detenute, l'uomo è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria anche per quest'ultimi fatti.

Proseguono attivissime le indagini anche al fine di identificare la posizione di altre persone diversamente coinvolte nella vicenda, significando che questo tipo di attività illegale è largamente diffusa nella provincia di Enna. Ricordiamo le importanti recenti inchieste giudiziarie come quella denominata "Ducezio" condotta dalla Questura di Catania e quella denominata "Pandora" condotta dai Carabinieri di Foggia, nel corso della quale furono arrestate 29 persone. Il commercio illegale di reperti provenienti dalle zone archeologiche dell'ennese ha come terminale la Svizzera dove, sembra, vengano piazzati i pezzi pregiati e depositate le somme incassate dall'illecito traffico.

Tutto il materiale archeologico rinvenuto e sequestrato ieri a Centuripe è stato affidato in custodia giudiziale alla Sovrintendenza BB. CC. AA. di Enna e messo a disposizione dell'Autorità Giudiziaria procedente. (Angelo Severino/EnnaOnLineNEWS)



ENNA: LA STATUA DI VENERE AL GETTY MUSEUM FU RUBATA

Enna, 2 ago. - Due anni di carcere, senza benefici di legge, per ricettazione di una statua, la Venere di Morgantina. Una statua greca, valutata 20 miliardi di lire, le cui foto, rese pubbliche il 28 luglio 1988, scatenarono meraviglia, dubbi e maligne illazioni su tutti i giornali del mondo. È la condanna inflitta il 5 marzo scorso dai giudici di Enna ad un ottantenne ticinese, Renzo Canavesi, residente a Sagno. La notizia della condanna, passata sotto silenzio in marzo, è rimbalzata in questi giorni dalla Sicilia e ha fatto riemergere dalla memoria una vicenda di cui, ripetiamo, si è scritto molto tredici anni fa.

Le foto della Venere di Morgantina erano state lanciate dal Paul Getty Museum di Malibù, negli Stati Uniti. La statua, alta due metri e venti centimetri, stando agli esperti sarebbe stata scolpita il quinto secolo avanti Cristo, da un artista della cerchia di Fidia operante in Magna Grecia.

Quale il ruolo dell'anziano ticinese al quale lo stato italiano chiede 40 miliardi di lire con la Venere di Morgantina? Lo si evince dal percorso seguito dalla statua per arrivare negli Stati Uniti. Il Paul Getty Museum, per i magistrati siciliani, nel marzo del 1986, ha acquistato la statua da una società inglese, la Robing Symes Ltd di Londra, pagandola 10 milioni di dollari. La Venere di Morgantina alla società inglese per 400mila dollari all'inizio degli anni Ottanta, stando all'accusa, è stata venduta dall'anziano ticinese.

Oltre alla condanna penale i giudici siciliani hanno disposto anche il risarcimento del danno a favore dello Stato italiano che ripetiamo ha chiesto 40 miliardi di lire. Venti miliardi quale valore della statua, che continua ad essere esposta nel museo di Malibù, e venti miliardi quale danno morale. L'anziano ticinese ha deciso di ricorrere in appello.


INCIDENTE SULL'AUTOSTRADA A1: MUORE CAMIONISTA DI NICOSIA

Barberino di Mugello (FI), 2 ago. - Un camionista di 64 anni è morto la notte scorsa dopo che il suo autotreno, per cause ancora imprecisate, è volato di sotto da un viadotto all'altezza di Ronco Bilaccio sull'autostrada A/1. L'uomo, Salvatore Contino, residente a Nicosia (EN), quando è stato estratto dai vigili del fuoco dalle lamiere contorte della cabina di guida del mezzo, era ormai privo di vita. In seguito all'incidente, avvenuto a mezzanotte e mezzo circa, in corsia nord dell'Autosole si sono formate lunghe code: ancora stamani la polizia stradale segnala un incolonnamento di 9 chilometri per i lavori di ripristino della viabilità.


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Enna, 2 ago. - «Mi chiamo Edward e sono da Malta. Faccio parte di una organizzazzione che si chiama Life Cycle. Siamo un gruppo di ciclisiti amatoriali che cicla ogni anoo per l'europa per raccogliere soldi per i malati di fegato. Quest' anno gireremo per tre giorni la Sicilia. Enna e' la nostra meta per la seconda giornaata che saremo la'. Il nostro problema e' che non c'e' un campeggio la vicino. Sto cercando dei posti (il quale costo non deve essere caro come per esempio area militari, universita', community centers etc.) dove possiamo stare per la notte. Potete aiutarci?? Spero di sentire da voi al piu' prestyo possibile! Grazie»


ETNA: ACQUA E LAVA DAL VULCANO

Catania, 2 ago. - Dalle viscere l'Etna vomita anche acqua: un evento che non accadeva da 15 mila anni. Gli studiosi hanno rivelato che nella composizione di una delle colate è presente anche l'anfibolo, un minerale che contiene acqua nella sua struttura cristallina e che si scalda se il magma ha la possibilità di degassare. La situazione di imminente allarme per il Sapienza, intanto, appare rientrata. «La struttura è salva, ma è una situazione di calma apparente, è presto per cantare vittoria», ha detto Franco Barberi.



Articolo inserito giovedì 2 agosto 2001 alle 23.21
I commenti a quest'articolo (1)
06/06/2007 18:27:56 - Rino Baeli
Venere di Morgantina vedi www.siciliapaisi.com oppure le NEWS di www.messinacity.com ci sono molte note sulla Venere a presto Rino Baeli da Messina